OUTSIDEAT THE BLOG

La tradizione enogastronomica della Pasqua da nord a sud.

In Italia si sa, per ogni festività una tradizione enogastronomica da rispettare e delle ricette ottime da gustare. E anche per Pasqua lo stivale è ricco di pietanze e di dolci da portare in tavola per celebrarla da nord a sud.. o fud?!

Scoprite qui tutte le curiosità sulla Pasqua!

Quando la tradizione religiosa influenza quella gastronomica..

Pasqua, com’è noto a tutti, è il simbolo della resurrezione di Gesù. Da questa ricorrenza deriva l’usanza di mangiare l’agnello, che rappresenta per il Cristianesimo il Messia, figlio di Dio, che si sacrifica per tutti gli uomini. 
Allo stesso modo, l’agnello viene “sacrificato” dai credenti e viene portato in tavola nelle sue numerose varianti, da quelle salate, cucinate in modi differenti nelle varie regioni, a quelle dolci fatte di pasta reale, di mandorla, di marzapane o di semplice frolla rigorosamente ricoperta di zucchero.

Ma il motivo per cui tutti, dai più grandi ai più piccini, attendiamo la Pasqua è per scartare in tutta velocità l’involucro che racchiude l’uovo al cioccolato, per romperlo con le mani e gustare i suoi pezzi sparsi sul tavolo. Una golosità di cui nessuno può fare a meno, neanche noi di Insideat. 

L’uovo è considerato, non solo in Italia ma in tutto il mondo, il simbolo della vita e della rinascita e, quindi, della Pasqua. Le prime uova di cioccolato vennero prodotte in Inghilterra nel 1875 e solo dopo, all’inizio del ‘900, conquistarono tutto il mondo, compreso la nostra penisola. L’idea di mettere al loro interno una sorpresa, invece, fu di un famoso orafo, che rifacendosi alla tradizione russa della Matrioska, realizzò come dono un gioiello a forma di uovo, contenente al suo interno una sorpresa.

E la colomba? La regina di tutte le tradizioni dolciarie pasquali è di origine lombarda e venne creata, per la prima volta, dall’azienda dolciaria Motta, per riutilizzare i macchinari con cui realizzava i panettoni anche in altri periodi dell’anno, ad esempio a Pasqua. 

I dolci pasquali più famosi, da nord a sud

Partiamo dal nord con ricette di pasta dolce lievitata, che abbondano sulle nostre tavole e che rappresentano un’ottima alternativa alla classica Colomba pasquale.

Dalla Focaccia friulana, che non ha nulla a che vedere con la classica preparazione salata cui tutti siamo abituati, alla Gubana, ripiena di noci, uvetta e pinoli, mangiata in occasioni particolari, dalle festività religiose a quelle più popolari.

In Emilia, invece, potremmo degustare la Colomba di pavullo, dolce ripieno di savor (composta di frutta e mosto cotto), marsala e frutta secca, la Ciambella quaresimale e la Pagnotta di Sarsina.
E’ tradizione che quest’ultima venga consumata a colazione, accompagnata da uova benedette e un bicchiere di sangiovese, prima di partecipare alla Santa Messa. 

Proseguiamo velocemente il nostro tour gastronomico verso il sud passando per la Toscana con lo Zuccotto pasquale, a base di ricotta, e in Umbria con la Ciaramola, una ciambella rossa coperta da una candida meringa.

Spostandoci in Sardegna, invece, sulle tavole imbandite per la Pasqua, si consumano le Pardulas, golosi cestini di pasta con un morbido ripieno di ricotta e zafferano.

Eccoci ormai giunti al sud con la Pastiera e il Casatiello. Non c’è bisogno di specificare la regione ma è necessaria qualche piccola precisazione su queste due specialità partenopee. Due ricette realizzate con la pettola, una sfoglia a base di farina e sugna, la prima è un dolce ripieno di ricotta, grano cotto e frutta candita; il secondo, invece, è un pane salato ripieno di salame, formaggio, ciccioli e uova sode. 

In Puglia, Calabria e Sicilia, invece, il dolce tipico pasquale è a base di pasta frolla e di uova sode, che in pugliese viene chiamato Scarcella, in calabrese Cuzzuppa e in siciliano Cuddura

Vi abbiamo stilato un breve elenco di alcune delle specialità italiane della tradizione enogastronomica della Pasqua da nord a fud! XD

Il nostro Bel Paese è ricco di ricette tipiche regionali che variano di nome o di qualche ingrediente spostandoci anche di pochi chilometri.

In Italia, più che in ogni altro luogo, paese che vai usanza che trovi!

Guardate qui la ricetta della Torta Pasqualina, spiegata passo dopo passo dal nostro Chef per portare in tavola un piatto tipico di questa festa da gustare in compagnia. 

Con Insideat vi auguriamo una buona e golosa Pasqua!

Share this article:

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
LinkedIn